Google+
RICERCA PRODOTTI
RICERCA RICETTE

Terre di Lomellina

L'azienda


L’azienda agricola Terre di Lomellina è situata all’interno della Garzaia della Rinalda, nella Lomellina. 

Si estende per 80 ettari, in cui si pratica prevalentemente la coltivazione del riso, coltura alla quale la Lomellina è naturalmente vocata.

In Lomellina vengono però praticate anche molte altre coltivazioni: come grano, farro e orzo, ma anche girasole, soia, colza, fagiolo borlotto, grano saraceno e granturco, in un piano poliennale di rotazione delle colture.

Quella dell’azienda è la storia di una donna coraggiosa, Rosalia Caimo Duc che per prima nella sua famiglia ha deciso di dedicarsi alla coltivazione di prodotti da agricoltura biodinamica.

Laureata in scienze agrarie all’università di Milano, Rosalia ha infatti costruito tutto da sola, imparando dai suoi collaboratori e cercando di “rubare il mestiere in modo pratico”.

La coltivazione

Avviata l’azienda Rosalia ha ben presto scelto un percorso agricolo biologico e biodinamico, coerente con le idee di Steiner, e già nel 2006 l’azienda è stata interamente convertita al biologico.

L’azienda utilizza due differenti tecniche per la coltivazione del riso: quella in asciutta e quella con allagamento della risaia. Le due tecniche sono alternate in base all’incidenza delle infestanti nell’anno precedente: se si sono avute piante infestanti non acquatiche, si ricorrerà infatti all’allagamento. 

Rosalia sta anche sperimentando la tecnica del sovescio, per mantenere la risaia maggiormente libera dalle erbe infestanti.

Nella tecnica in asciutta, la semina viene eseguita a file, utilizzando la macchina del grano su terreno lavorato nudo; con lo strigliatore viene quindi effettuato il diserbo meccanico, che in acqua non sarebbe possibile. Per praticare l’allagamento viene, quindi, fatta arrivare l’acqua attraverso canali adacquatori.

Lungo le rive dei canali olmi campestri e querce fungono da barriera antivento e da sito di nidificazione, proteggendo così naturalmente la coltura e salvaguardando nel contempo la biodiversità del territorio.